What I eat in a day

Cosa mangia una vegana come me, non esattamente salutista ma che comunque ci tiene a star bene?

Ecco come compongo i miei pasti 100% vegetali:

Colazione:

A colazione di solito preparo un porridge con:

– 200 gr di latte di cocco, soia oppure avena, che sono i miei preferiti

– 50 gr di fiocchi d’avena piccoli integrali

– un cucchiaino di cannella

– un frutto, spesso una banana ma anche mela, pera, kiwi o quello che ho in casa

– un cucchiaio di cacao in polvere amaro o in alternativa un quadrettino di cioccolato fondente 100%

Non nascondo che a volte mi butto sulle fette biscottate con sopra la crema spalmabile alla nocciola (ovviamente la versione senza latte) oppure sul cornetto veg + cappuccino di soia/avena del bar, ma raramente.

Pranzo:

Una porzione di cereali (pasta, riso o farro integrale soprattutto, ma a volte anche miglio o orzo)

Una porzione di verdura (di solito abbino almeno 2 tipi di verdura ad esempio cime di rapa e carote oppure asparagi e cavolo viola oppure zucca e cavolini di Bruxelles ecc., cercando di seguire il più possibile la stagionalità.

2 cucchiaini di semi di lino macinati al momento e anche altri semini misti.

Una porzione di legumi (ceci, fagioli, lenticchie, ecc.) semplicemente lessati oppure sotto forma di hummus.

Una manciata di frutta secca.

Come condimenti tutte le spezie del mondo, poi alterno a seconda del piatto tahin, acidulato di umeboshi, salsa di soia, olio evo, sale, limone, ecc.

Merenda: Di solito non faccio merenda perché essendo a lavoro non ho molto tempo ma se capita mangio una manciata di mandorle o altra frutta secca e/o un frutto. Se ho avuto modo di prepararlo in anticipo mi gusto in alternativa un dolcino fatto in casa come ad esempio una tazza di kanten (c’è un articolo nel blog dove potete trovare la ricetta) oppure una fetta di castagnaccio o di qualche torta vegan senza zucchero. Piccola parentesi: per quanto riguarda il discorso dello zucchero sappiamo tutti che non è salutare perciò se devo prepararmi un dolce in casa utilizzo ricette macro in cui lo zucchero è sostituito dal malto di cereali oppure dal succo di mela o dalla frutta stessa; quando esco mi limito a scegliere dolci vegani ma non posso certo pretendere fino a questo punto…

Cena: valgono le stesse cose che ho scritto per il pranzo, cercando di alternare gli alimenti ovviamente.

Soprattutto il fine settimana le cose cambiano un pochetto perché se c’è una cosa che io considero un piacere irrinunciabile della vita è uscire con i miei amici. In quel caso (quando non riesco a trascinarli al ristorante vegano) di solito si va a mangiare una pizza e la mia preferita è la marinara con aggiunta di funghi oppure ordino una rossa con carciofini, olive, capperi e funghi. Se la pizzeria ne da la possibilità scelgo l’impasto di farro o di grano integrali.

Bevo quasi sempre acqua, ogni tanto mi piace sorseggiare un bicchiere di vino bianco o una birra. Spesso la sera mi gusto una tisana e in inverno quando ho molto freddo bevo del te’ kukicha caldo durante i pasti.

Per approfondire:

https://www.scienzavegetariana.it

https://www.piattoveg.info

https://www.vegolosi.it/news/dieta-vegana-equilibrata-10-consigli-pratici/

Kanten

Conoscete questo dolce al cucchiaio naturalmente vegan?

È delizioso e facilissimo da realizzare, ed è piaciuto anche a tutti gli onnivori a cui l’ho proposto, anche a quello più “difficili”.

L’ingrediente principale è l’agar agar, un gelificante 100% vegetale che si ricava da un’alga e che si trova in commercio sotto forma di fiocchi, filamenti o in polvere. Personalmente preferisco utilizzare le prime due tipologie perché a volte la polvere ha un sapore particolare che altera negativamente il risultato finale. I fiocchi o i filamenti invece sono totalmente insapori, almeno questa è la mia esperienza. Fatemi sapere la vostra!

Ecco gli ingredienti:

– 1 litro di succo di mela limpido bio

– 12 grammi di agar agar

– buccia di 1 limone non trattato

– frutta a piacere

Procedimento:

Portare ad ebollizione il succo di mela con l’agar agar e la buccia di limone e lasciar bollire pochi minuti fino a che l’agar agar non sia completamente sciolto. Nel frattempo in una ciotola grande tagliare la frutta (i risultati migliori si ottengono con fragole, pesche oppure meloni. In alternativa, magari in inverno, si può utilizzare succo di limone e di zenzero insieme). Versare il succo di mela bollente sopra la frutta e attendere qualche ora che si sia tutto solidificato, Frullare con un frullatore ad immersione e servire cosparso di granella di mandorle. GNAM!